MACULA Centro Internazionale di Cultura Fotografica

PRESENTA

Centrum Naturae
una doppia personale, un workshop, una performance,
di Giovanni Gaggia e Mona Lisa Tina

 

Titolo: Centrum Naturae
Autori: Giovanni Gaggia, Mona Lisa Tina
A cura di: Roberto Paci Dalò
Intervento critico di: Debora Ricciardi
Con la collaborazione di: Simona Bramati ed Hangartfest
Inaugurazione: venerdì 8 agosto ore 19.00
luoghi: Scalone Vanvitelliano – Chiesa di Santa Maria Maddalena, Piazza del Monte, Pesaro
Date: 9 agosto – 24 agosto 2014
da mercoledì a domenica dalle 17.00 alle 20.00
Patrocini: Comune di Pesaro, SPAC
info: www. spaziomacula.it, info@spaziomacula.it , 340 7519839

 
sito Centrum Naturae di Giovanni Gaggia e Mona Lisa Tina

 

MACULA presenta il secondo evento della stagione espositiva 2014: si inaugura venerdì 8 agosto alle ore 19.00, Centrum Naturae, la doppia personale di Giovanni Gaggia e Mona Lisa Tina a cura di Robero Paci Dalò con l’intervento critico di Debora Ricciardi.

Centrum Naturae, è un progetto articolato e complesso incentrato sul Corpo e sulle relazioni possibili con l’Altro e con il mondo. Le identità artistiche di Gaggia e Tina, unite da grande vicinanza poetica, dialogano in maniera profonda incontrandosi nell’ambito di un linguaggio performativo che i due artisti hanno condiviso e condividono in molte esperienze professionali comuni.

La parte espositiva del progetto si avvale dell’immagine fotografica quale mezzo per indagare le differenti prospettive da cui muovono i due artisti. Se per Tina lo scatto fotografico è un modo per cogliere il momento irripetibile dell’azione performativa, gli autoscatti di Gaggia, che utilizza l’immagine del proprio corpo nudo come base pittorica per lavori più elaborati, sono viatico per giungere alla consapevolezza di sé.
La mostra si potrà visitare dal 9 al 24 agosto 2014, presso lo Scalone Vanvitelliano.

Il workshop “Dialoghi tra Corpi”, rivolto da un minimo di 5 ad un massimo di 9 partecipanti, si svolgerà presso la Chiesa della Maddalena dal 10 al 12 agosto (quota di partecipazione 70 euro a persona). Le tre giornate del workshop saranno fra loro interdipendenti. La prima sarà di conoscenza dei passaggi fondamentali del linguaggio performativo nella storia dell’arte che hanno portato alla performance dell’oggi. In particolare, si analizzeranno le differenze tra la performance degli anni 70, quando il corpo era usato, violato e si faceva carico di problematiche sociali e politiche, e quella odierna in cui prevale una forte componente spirituale che re-agisce agli aspetti subdolamente cruenti ed alienanti della società contemporanea.

Il secondo momento andrà a toccare una sfera più intima. Ogni partecipante dovrà portare gli oggetti che ritiene abbiano segnato in modo particolare la propria esistenza e verrà invitato a condividerne con gli altri la personale valenza simbolica ed affettiva.

L’ultimo momento riguarderà l’azione dal vivo ed il rapporto diretto con il pubblico, ovvero l’altro da sé.

Il 18 agosto alle ore 19.00 presso la Chiesa della Maddalena verrà presentata l’inedita performance di Giovanni Gaggia e Mona Lisa Tina, Centrum Naturae, in collaborazione con Hangartfest e con la partecipazione speciale di Simona Bramati, che ne curerà la documentazione video offrendo una sua personale interpretazione dell’atto.

Per prenotazioni ed ulteriori informazioni:

www.spaziomacula.it info@spaziomacula.it – 340 7519839

biografie:

Giovanni Gaggia nasce a Pergola (PU) nel 1977 dove attualmente vive e lavora. Nel 2008 fonda Sponge ArteContemporanea assumendone la direzione artistica. L’opera di Giovanni Gaggia è fondamentalmente ricerca d’equilibrio fra azione performativa e disegno. Sono questi i luoghi in cui la sua poetica, sempre e comunque aderente alla fisicità del corpo, è andata definendosi negli anni. In particolare essa si è concentrata sull’immagine del cuore; un cuore anatomico e carnale, protagonista di alcune azioni dal grande impatto emotivo alle quali è seguita una ricerca più delicata, seppur ugualmente potente, evidenziata dalla recente dedizione al ricamo.
Identità, ritualità, sacrificio e condivisione sono gli elementi cardine delle performance, tutte caratterizzate da intense interazioni con l’altro. In esse le identità in gioco subiscono contaminazioni reciproche che rimandano a rituali sciamanici ed iniziatici dove a mutare è lo spirito più profondo dell’essere umano. Il contenuto delle azioni ed i richiami al sacrificio possono essere visti, quindi, come metafora di liberazione e come epifania dell’anima.

Tra le sue personali si ricordano: 2014 – Et Curis ( doppia personale), a cura di Loretta Di Tuccio, intervento critico Fabrizio Pizzuto, galleria Rossmut, Roma. 2013 – Sic Dulce Est, a cura di Cristina Petrelli, Palazzo di San Clemente / Archispazio, Firenze. 2012 – Where is your brother? (doppia personale) a cura di Davide Quadrio e Studio Rayuela (Flavia Fiocchi e Francesco Sala) SpongePill-Casa Déclic / Guastalla Pilates, Milano. 2011 – I need you a cura di Claudio Composti, Spazio NovaDea, Ascoli Piceno / Corpo fisico, corpo etereo (doppia personale), a cura di Roberta Ridolfi, Factory – Art gallery, Berlino – Germania. 2008 – Aforismi Simpatetici, a cura di Chiara Canali, Museo dei Bronzi Dorati, Pergola (PU) . 2007 – Di spirito e di Carne, testo critico di Roberta Ridolfi, Factory-Art gallery,Trieste.

Mona Lisa Tina è nata a Francavilla Fontana (BR) nel 1977; vive e lavora a Bologna. Artista e Arte Terapeuta, pone al centro di tutte le sue riflessioni il Corpo come spazio relazionale indentitario. Dal 2011 coordina, insieme al Prof. Stefano Ferrari, il Gruppo di studio “Psicologia e Arte Contemporanea” della IAAP(International Association for Art and Psychology). Mona Lisa Tina conduce numerosi seminari e workshops incentrati sui punti fondamentali della propria ricerca artistica; da Giugno 2014 ha attivato in collaborazione con il Dott. Giovanni Castaldi (psicoanalista e docente di teorie e Metodi delle Arti Terapie all’Accademia Albertina di Belle Arti) un progetto formativo sperimentale annuale sul tema dell’Identità, presso la GAM di Torino.

Principali mostre: 2014 – CORPO. Festival delle Arti Performative IV a cura di S. Panerai e I.D’Alberto, luoghi vari, Pescara – Teoremi performance festival, a cura di G. Casalini e R. Orlando, Museo d’Arte Contemporanea Villa Croce, Genova – Venti per Una; Venti regioni per un’Italia, venti artisti per una mostra, a cura di Martina Corgnati, luoghi vari, Bratislava, Praga – Into the core, a cura di Carmelita Brunetti, Festival della Filosofia, Palazzo dell’Arte, Hannover – IL CORPO SOLITARIO. L’autoscatto, a cura di Giorgio Bonomi, Palazzo della Penna, Perugia. 2013 – Interactingbodies, a cura di Sponge ArteContemporanea e CRAC-Cremona, ArtVerona – Critica Creativa. a cura di Valeria Borsari, AR.RIVI (Archivio Ricerca Visiva), Milano. 2012 – Anthozoa, a cura di Massimo Guastella, MAP – Museo Mediterraneo dell’Arte Presente, Brindisi.

 

Dai all’arte la tua parte!!!

 Se credi che la cultura possa essere il DETONATORE per innescare il cambiamento, sostieni Centrum Naturae con il tuo contributo

 

 Meno di un mese allo start! “Crocibolo” è alle porte ed il fermento è già tutto nell’aria.

Scadenza imminente, con l’opening dell’8 Agosto allo Scalone Vanvitelliano di Pesaro seguito dall’acme performativa del 18 agosto alla Chiesa della Maddalena, è quella che riguarda Centrum Naturae, progetto curato da Roberto Paci Dalò.

 Un percorso basato sulla relazione con l’altro da sé, che parte da una mostra doppia personale di Giovanni Gaggia e Mona Lisa Tina, nella quale il dialogo è giocato da un lato sulla differente percezione della fotografia come autoritratto e come restituzione dell’azione performativa, e dall’altro ricucito in seconda battuta nella performance, spazio d’eccellenza in cui l’incontro  avverrà in maniera timbrica su scala reale, nel raffronto con il pubblico ma non solo.

 Il progetto ha come collante motivazionale l’ibridazione con altri linguaggi oltre la performance,  quali la fotografia, la danza, la musica ed il video.

 La restituzione dell’intero impegno artistico, che comprende un’intensa e motivata partecipazione del pubblico, verrà effettuata grazie all’intervento dell’artista visiva Simona Bramati, che elaborerà un video dell’evento, secondo una propria lettura interpretativa.

 Il coinvolgimento del pubblico è e rimane il fulcro attorno cui ruota il progetto, sostenuto a budget zero grazie all’organizzazione di Macula – Centro Internazionale di Cultura Fotografica di Pesaro e alla collaborazione di Hangart Fest.

Essere parte di un progetto culturale e contribuire a sostenere ed aiutare gli artisti non solo rientra in una logica collaborativa e partecipativa responsabile ma potrebbe anche finanziare tutta una serie di attività collaterali tali da rendere più accessibile e divertente il progetto nella sua complessità.

 Tutti coloro che verseranno un contributo volontario – da un minimo di 5€ – riceveranno come benefit una stampa fotografica multipla della performance.

I contributi potranno essere versati (e le stampe ritirate) presso lo Scalone Vanvitelliano di Pesaro, Piazza Del Monte (ingresso da Via della Maternità) dal 20 al 24 agosto durante gli orari di apertura della mostra Centrum Naturae (ore 17.00 – 20.00).

Per informazioni e donazioni: info@spaziomacula.it – 340 7519839

I Commenti sono chiusi

Iscriviti alla Newsletter!
Categorie
Archivi
Articoli più letti
  • Non ci sono elementi
Questo sito utilizza i cookies - This website uses cookies
OK