Gestire l’apparenza: Constantin Migliorini

Mille strati mentali favoriscono la sintesi di ciò che siamo e nemmeno noi, a volte, comprendiamo chi veramente siamo. E’ questo il pensiero a cui rimanda il lavoro fine ed intelligibile di Constantin Migliorini. Un artista che non si accontenta della pittura e del disegno costretto su un unico supporto, su un solo piano, ma che tende a percorrere diverse via del possibile per rivelarci la summa, l’essenza globale della sua rappresentazione. Un lavoro raffinato e colto che costringe all’esercizio mentale, tanto che ciascun lavoro è paragonabile ad un opera di disvelamento, alla soluzione del caos della sovrapposizione di piani e segni.

Oltre ad avere un ottimo segno ed una pittura assolutamente personale e riconoscibile, Migliorini, costruisce una poetica dalla cifra unica ed intrigante.

Un lavoro che non risolve sul solo piano estetico, un lavoro che avanza un fondamento filosofico nella lettura del lavoro. Per usare parole semplici si potrebbe dire che il lavoro di questo artista richiede lunga osservazione per la sua natura ricca di particolari ma richiede ancor più tempo per comprenderlo e metabolizzarlo. Si potrebbe facilmente sostenere che Constantin Migliorini offre al pubblico un lavoro che affonda le proprie radici nella natura umana e animale e che dunque si configura come ritratto universale dell’essere vivente.

I segni incisi su supporto trasparente, sovrapposti al lavoro pittorico, intendono dar testimonianza di diverse realtà che intrecciandosi tra loro compongono un destino.

Scavare in un’opera di Migliorini è scoprire un poco la nostra essenza, mai piatta e scontata ma sorprendente e straordinaria nelle sue variabili modalità e forme. L’artista, in questo modo si trasforma in una sorta di psicanalista dell’estetica, lavorando e scavando su menti solo rappresentate ma attinte dal reale. Non si parla dunque di un mondo onirico o immaginario ma di realtà e non si ricerca la gratificazione o l’estasi del bello ma l’assurdo e attraente del reale. Se in arte, come in altre attività umane, si procede inseguendo un obiettivo, possiamo affermare che nel lavoro di Migliorini, quell’obiettivo è evidente e si chiama universo vivente.

Roberta Ridolfi


Vedi il comunicato stampa

I Commenti sono chiusi

Iscriviti alla Newsletter!
Categorie
Archivi
Articoli più letti
  • Non ci sono elementi
Questo sito utilizza i cookies - This website uses cookies
OK