di Matteo Galbiati

Seguendo il motto “La libertà è una forma di disciplina” prosegue con Perfect Number – 9 strutture indipendenti, 9 stanze, 9 project rooms l’attività estiva della dinamica home gallery Sponge Living Space, realtà sempre fresca e propositiva che negli anni ci ha abituato ad una seria programmazione di mostre ed eventi particolarmente attenti alla sperimentazione dei linguaggi più attuali. Casa Sponge, infatti, sostiene da sempre i linguaggi dei nuovi talenti e dei giovani, confermandosi significativo luogo di transito, dialogo e ricerca sull’arte dei cosiddetti emergenti, espressione e voce della più stretta contemporaneità e attualità artistica e culturale.

All’insegna della libertà espressiva delle correlazioni e della versatilità degli spazi e degli ambienti torna, quindi, la quarta edizione di Perfect Number con una significativa variazione… Se nelle precedenti edizioni 9 artisti con 9 curatori hanno lavorato sulle 9 stanze messe a disposizione da Sponge Living Space, lasciando trasparire l’individualità delle singole personalità, in questo caso – pur rimanendo presenti artisti e curatori – ad emergere saranno le filosofie e gli orientamenti di 9 strutture indipendenti, 9 associazioni che operano anch’esse impegnandosi per la promozione e nel sostegno delle ricerche contemporanee.

Stravolgendo, ripensando e riflettendo sempre sui luoghi resi aperti dall’associazione marchigiana, il progetto, da questa proposto, resta integro nella sua filosofia di fondo:guardare alla proposta di individuali strategie e scelte di campo che, volute dai partecipanti, nella differenza delle sfumature e dei contenuti, facciano apprezzare tanto la peculiare libertà e individualità dell’orientamento, quanto rendano tangibile e manifesto quel confronto-dialogo indispensabile per far maturare e crescere una coscienza critica e dialettica troppo spesso avulsa, se non completamente aliena, dal dibattito sull’arte di oggi. Largo quindi alle project room indipendenti e pensate per quest’occasione nel rispetto di una comune con-divisione e com-partecipazione.
Come annunciato anche Sponge ArteContemporanea occuperà uno spazio tutto suo, staccato e separato, per creare dialogo ma non interferenze. Si collocherà simbolicamente nel giardino, la decima stanza. Perché aprendo la porta della sede, esce per incontrare e accogliere chi arriva.

Perfect Number. 9 strutture indipendenti, 9 stanze, 9 project rooms. IV edizione
A cura di: Associazione 22:37 (intervento critico di Zara Audiello), Milena Becci, Annalisa Bergo, Nila Shabnam Bonetti, Martina Cavallarin, Flavia Fiocchi, Francesca Maria Forte, collettivo/sguardo contemporaneo, Roberta Ridolfi, Viviana Siviero

Artisti: Marco Bernardi, Roberto Paci Dalò, Maria Grazia Galesi, Laura Giovannardi, Silvia Mariotti, Gianni Moretti, Sebastiano Mortellaro, Fabio Melosu, Angelo Petronella, Frédéric Saia, Douglas Scholes, Ivana Spinelli, Sasha Vinci, Rita Vitali Rosati, Lorenzo Zavatta

Associazioni: 22:37, Barcellona-Belgrado-Berlino; BOCS, Catania; Clang/Passo, Scicli (RG); Laboratorio Alchemico, Milano; Lem, Sassari; CRAC, Cremona; scatolabianca, Milano; sguardo contemporaneo, Roma; Rad’Art Project/artéco, Mercato Saraceno (FC)

da Espoarte

I Commenti sono chiusi

Iscriviti alla Newsletter!
Categorie
Archivi
Articoli più letti
  • Non ci sono elementi
Questo sito utilizza i cookies - This website uses cookies
OK