Body Language

Noi ci riconosciamo, epidermicamente, in quella tribù di esploratori, che si abbandonano all’avventura del proprio corpo-mondo, quelli che sentono il proprio daimon sotto la pelle e non lo rimuovono neppure ma lo tirano fuori per aprire varchi e spostare montagne…
Teresa Macrì, Il corpo postorganico, 2006

L’opera di Simona Atzori si caratterizza per la ricerca puntuale e minuziosa del corpo. L’universo proposto dalla Atzori è popolato da linee e movimento.

L’artista, attraverso la linea, imprime al corpo, sia nella totalità che nel particolare anatomico, un’energia vibrante. La tensione vitale della linea che descrive non solo un movimento: ma un momento d’ispirazione

L’artista, trasforma il proprio corpo in materia percorsa da fervore creativo.

La pittura è un’ulteriore riflessione sul flusso di emozioni che l’artista provoca e subisce nella danza. Le proiezioni del corpo di Simona Atzori, diventano sulla tela un archetipo estrapolato dalle emozioni che la stessa vive nel ballo.

L’energia vitale, che fluisce nel movimento del corpo, nella pittura diventa consapevolezza di una forza ancestrale.

Il corpo è per l’artista il luogo in cui tutto accade.

Susanna Ferretti


Vedi il comunicato stampa

I Commenti sono chiusi

Iscriviti alla Newsletter!
Categorie
Archivi
Articoli più letti
  • Non ci sono elementi
Questo sito utilizza i cookies - This website uses cookies
OK