Migliaia di antenne televisive popolano il giardino di casa Sponge

Titolo: Antenna
Artista: 
Emiliano Zucchini
A cura di: Stefano Verri
Partner: azienda vinicola Terracruda di Fratterosa PU
Luogo: 
Sponge Living Space (Casa Sponge) Via Mezzanotte 84 61045 Pergola PU
Coordinamento e comunicazione: Sponge ArteContemporanea
Inaugurazione: sabato 8 dicembre ore 18.00
Periodo: 8 dicembre – 13 gennaio 2013
Orario: su appuntamento
Info: +39 339 4918011, +39 339 6218128,
pressoffice@old.spongeartecontemporanea.net, www.spongeartecontemporanea.net

Prosegue la quinta stagione espositiva dello Sponge Living Space (Casa Sponge) di Pergola (PU) che, dopo la personali di Simone Ferrarini e di Stefano Scheda, propone da sabato 8 dicembre tre eventi in sincrono: l’installazione site specific di Emiliano Zucchini a cura di Stefano Verri nell’ambiente esterno; Christmas Tree d’artista quarta edizione, con l’intervento individuale di Rita Soccio, a cura di Milena Becci; la personale di Cristian Iotti a cura di Corrado – Davio e Livio Togni con l’intervento critico di Jack Fisher.

Antenne è l’installazione site specific di Emiliano Zucchini ed occupa Living outside the Sponge , la decima stanza, lo spazio esterno al casolare ciò che contiene la casa e ne fa da bozzolo.

Migliaia di antenne dimorano sulle nostre case come croci sui tetti delle chiese. Il nostro sguardo mai cessa di incontrarle ogni volta che miriamo il cielo di una città. Spogliandoci da un’inclinazione abitudinale nei confronti dell’oggetto-antenna in sé, allontanandolo da qualsiasi tipo di sinonimo di degrado urbano o di anti-estetica, l’antenna assume le sembianze di una scultura minimale, quasi una testimonianza, un reperto della nostra attuale società, pronta ad essere investita da un valore sacrale. Tratto dal libro “antenna”, Emiliano Zucchini, edizione studio Paolo Barozzi, Milano 2011

Emiliano Zucchini – scrive Gabriele Simongini – è un visionario della realtà urbana, capace di trasformare le antenne televisive – immensa ragnatela o sterminata foresta che sormonta i tetti delle nostre case – in una icona dell’odierna epoca mediatica. … così le antenne spesso appaiono come croci della “religione” televisiva ma specialmente nei primi piani assumono anche la dignità di sculture minimali. Zucchini, dotato della rara capacità di trasformare l’ordinario in straordinario, dona dignità poetica ad un oggetto che spesso, obiettivamente, a causa di una proliferazione incontrollata, è condannato come anti-estetico. E riesce a farcelo apprezzare come il terminale nervoso di una società che dalla televisione riceve illusioni e surrogati di sogni e di speranze “scesi dal cielo”.

Emiliano Zucchini nasce a Frascati nel 1982, vive e lavora tra Roma e Senigallia.
La sua ricerca artistica spazia tra la pittura, la fotografia, la musica e la video-arte.
Nel 2004, con la sua band di musica elettronica Redrum, realizza il “Disco macchina”, opera musicale che si ispira nel packaging, oltre che nei contenuti audio, all’artista Fortunato Depero.  Nel 2006 insieme ad Antonio D’Agostino, Maurizio Cesarini e tre artisti san marinesi, Lionice Cola, Nico Macina e Michela Pozzi fonda il collettivo Artezoom con il quale espone, nello stesso anno, alla Galleria Nazionale d’Arte contemporanea di San Marino, nel 2007 a Shangai presso il Biz Art Center, a Roma presso la Galleria Sala Uno e nel 2008 a Philadelphia presso il Crane Art Center. Partecipa all’evento collaterale “13×17 Padiglione Italia” della 52° edizione della Biennale di Venezia, curato da Philippe Daverio. Nello stesso anno è presente alla collettiva curata da Gianluca Ranzi “Osservare il Pensiero Riflesso” tenutasi alla Mole Vanvitelliana di Ancona. Dal 2008 si appassiona al ritratto fotografico d’artista che lo porta a conoscere e ritrarre artisti italiani e internazionali, tra i quali Hermann Nitsch, Yoko Ono, Giosetta Fioroni, Elio Marchegiani, Francesco Guerrieri e molti altri. Nel 2010, dopo aver raccolto un ampio materiale fotografico, il MUSINF, Museo d’Arte Moderna e Contemporanea di Senigallia, dedica una personale ai suoi ritratti fotografici, la mostra è curata dall’artista Maurizio Cesarini. Nel 2011 espone presso lo Studio Paolo Barozzi di Milano, per questa occasione realizza il libro d’artista “Antenna” edito in 50 esemplari numerati e firmati dall’artista.

La mostra, in collaborazione con  L’azienda vinicola Terracruda di Fratterosa PU  sarà visitabile su appuntamento fino al 13 gennaio 2013. Per ulteriori informazioni contattare il numero: +39 339 4918011, o consultare il sito www.spongeartecontemporanea.net

I Commenti sono chiusi

Iscriviti alla Newsletter!
Categorie
Archivi
Articoli più letti
  • Non ci sono elementi
Questo sito utilizza i cookies - This website uses cookies
OK