Presentazione del festival dedicato alla danza e alle arti visive.
Pesaro, 7 luglio 2010.

Oggi alle ore 11,00 presso la sala “Adele Bei” si e’ svolta la conferenza stampa per la presentazione di “Dance Immersion 2010”, festival di danza e arti visive in corso dal 27 agosto al 5 settembre in programmazione nella citta’ di Cagli (PU). Un progetto patrocinato dalla Provincia di Pesaro e Urbino, di elevata qualita’ come gia’ dimostrato nella scorsa edizione, dove si relazionano diversi settori dell’arte contemporanea “che aiutano sia l’interdisciplinarieta’ delle arti, sia i cittadini invitati a guardare la danza comeun’azione che ti ama. Danza e arte sono attivita’ che chiamano in causa sensibilita’ nuove e richiedono uno sforzo per comprenderle, senza chiudersi alla facile conquista di cio’ che gia’ si conosce”. Parole dette da Luca Bertolucci, Presidente del Consiglio provinciale, grato nei confronti delle due associazioni culturali, SpongeMovimento & Fantasia, per aver portato l’arte contemporanea e il tema della danza, in una provincia gia’ di per se’ virtuosa, con scuole di altissimo livello per entrambi i settori.
Il programma della danza, presentato dal Direttore artistico Benilde Marini, prevede laformazione per gli allievi con corsi a numero chiuso (20–25 iscritti). Questi entreranno in diretto contatto con compagnie di professionisti che, oltre a d esibirsi, saranno i maestri con cui discuteranno, entrando percio’ nel vivo della professione. Il lavoro verra’ svolto nell’arco di 12 ore al giorno tra lezioni e stage, tenuti all’interno di antichi palazzi che faranno da sfondo anche per le varie mostre, per una maggior fruibilita’ culturale. Gli allievi si confronteranno con tutti i tipi di danza, dalla classica all’hip pop. I corsi prevedono laboratori coreografici per non professionisti, con varie fasi di sperimentazione utili a presentare i lavori durante il festival. Due le novita’ di quest’anno: le lezioni per aggiornamento insegnanti, importantissime per i professionisti, e il corso di tecnica per bambini con l’ obiettivo di “sfatare il luogo comune che vede la danza un’attivita’ solo per femmine”, come spiega Marco Batti, insegnante di prestigio selezionato alla Biennale di Venezia con il lavoro “Solo per due”, che verra’ ripresentato per questa occasione. Marco Batti si e’ detto entusiasta di partecipare alla nuova edizione vista la passione che vuole elevare Cagli a “Luogo di Cultura”.
Alla fine dei corsi, le audizioni per entrare nell’Ateneo della Danza di Siena, il cui Direttore e’ appunto Marco Batti, e infine il Gala’ con i ballerini che si sono evidenziati durante gli stage. Questi avranno l’opportunita’ di diventare professionisti come Irene Calagreti, danzatrice del Daf di Roma, che parla della sua esperienza a Cagli come “l’inizio di un percorso di formazione e un’opportunita’ che mi ha fatto crescere”.
Il termine ultimo per le iscrizioni e’ fissato il 10 agosto.
Giovanni Gaggia, presidente dell’associazione culturale Sponge ArteContemporanea di Pergola, descrive il programma delle arti visive iniziando con Joy Coroner che presentera’ una concept-performance dove la musica elettronica interagisce con la danza contemporanea.
Segue la mostra fotografica di Chiara FrancesconiAlessandro Giampaoli con una selezione di foto dove Francesconi presenta corpi di ballerini, escludendone la testa, colti in vari momenti della loro attivita’ indagando sul cambiamento d’identita’ legato ad un particolare momento, mostrandone il lato piu’ triste. Le foto di iampaoli sono di grandi dimensioni, a sfondo bianco, con al centro piccole figure che si muovono.
Poi l’interessante progetto Sponge ad Attak! per una democratizzazione dell’arte. Nato lo scorso anno durante la Notte Bianca di Urbino, vede coinvolte due protagoniste. Rita Vitali Rosati, con un omaggio a Marina Abramovic, sparge di manifesti diverse citta’, mentre Simona Atzori, ballerina e straordinaria pittrice, il giorno 28 agosto alle ore 19,00, si esibira’ mostrando come dipinge con il piede destro.
Infine il progetto Video-Lab!!! con sei videoartisti selezionati, e le loro opere visibili nei vari palazzi storici.
Gli auguri finali per gli organizzatori sono di Bartolucci, entusiasta per l’iniziativa perche’ non solo valorizza la provincia ma muove sia il turismo sia la cultura, con la certezza che in quei giorni anche la Comunita’ Montana del Catria e Nerone e il Comune di Caglipresenteranno al meglio il loro territorio.

tratto da IS-gallery

I Commenti sono chiusi

Iscriviti alla Newsletter!
Categorie
Archivi
Articoli più letti
  • Non ci sono elementi
Questo sito utilizza i cookies - This website uses cookies
OK