Domenico Buzzetti artista e vice presidente dell’Associazione Culturale Sponge ArteContemporanea.

L’associazione che rappresenti collabora al Festival dalla prima edizione. In che modo?
Abbiamo collaborato con entusiasmo fin dalla prima edizione, curando la sezione Arte Visiva e Sonora parallela al festival. Nei precedenti anni abbiamo presentato presso Palazzo Mochi-Zamperoli di Cagli la doppia personale “Fabula Mirabilis”, la prima edizione con Veronica Chessa e Rita Vitali Rosati e la seconda con Chiara Francesconi e Alessandro Giampaoli, entrambe curate da Simonetta Angelini.

L’anno scorso abbiamo letteralmente invaso la città di Cagli con “Sponge Ad Attack!” progetto in cui abbiamo stampato le opere di Simona Atzori su manifesti ed esposti tramite affissione pubblica, e “Sponge Video Lab”, progetto a cura di Daniele De Angelis dedicato alla videoarte con 6 postazioni video installate nei palazzi storici.

Abbiamo anche curato la preview di Dance Immersion, avvenuta presso Sponge Living Space, la nostra sede di Pergola, presentando “I don’t believe in fairy tales”, concept performance di Joy Coroner in cui la musica elettronica (dubstep, IDM, ambient) incontra la danza contemporanea, per quell’occasione interpretata da MariaCristina Paolini.

Cosa porterete al Festival?
Quest’anno porteremo per i palazzi storici di Cagli “KAZUO OHNO:103”, mostra dedicata al maestro della danza Butoh, Kazuo Ohno, a cura di Claudio Composti e Toshio Mizohata. La mostra prevede un percorso tra le video-performances del maestro giapponese e le foto scattate a lui da grandi fotografi giapponesi. E cureremo nuovamente la preview, dedicata anch’essa al maestro Kazuo Ohno, portando la performance “k:103” di Daniela Cavallo e Joy Coroner interpretata dalla danzatrice Irene Calagreti.

Che cosa è Sponge ArteContemporanea?
Sponge ArteContemporanea è un modo diverso (ma non per questo antagonista) di presentare l’Arte Contemporanea. Scegliamo luoghi e metodi inusuali per le nostre mostre, partendo dalla Home Gallery Sponge Living Space, seguendo il concetto di democratizzazione dell’arte. Spesso è l’Arte che viene da te, un’Arte pronta ad entrare in simbiosi con il luogo e con il tempo senza preconcetti di sorta. Invito a visitare il sito www.spongeartecontemporanea.net per farsi un’idea completa di quello che facciamo.

Quale è la tua formazione?
Ho frequentato il Liceo Artistico di Morbegno e la Scuola di Cinema di Milano. Nel frattempo ho studiato musica (chitarra e violino). Ho continuato la mia ricerca espressiva in special modo grazie all’aiuto del computer e della curiosità. Sono alla costante ricerca di nuove forme di comunicazione e credo non ci sia periodo più esaltante e creativo per la New Media Art e la Electronic Music di questi anni ’10.

I Commenti sono chiusi

Iscriviti alla Newsletter!
Categorie
Archivi
Articoli più letti
  • Non ci sono elementi
Questo sito utilizza i cookies - This website uses cookies
OK