Carol Rama-Andrea Guerzoni
Quanta luce nel nero
a cura di Corrado Premuda

Inaugurazione mostra sabato 29 ottobre 2011 ore 18.00
Chiusura: mercoledì 30 novembre 2011

dal martedì al sabato dalle 10:00 alle19:00 orario continuato –
Lunedì chiuso

Palazzetto Art Gallery
via delle Botteghe Oscure, 34 – 00186 Roma

www.palazzettoartgallery.com
info@palazzettoartgallery.com
www.andreaguerzoni.it

La casa di Carol Rama è un’opera d’arte, anche se non la più conosciuta dell’artista: è uno strumento di autorappresentazione, un luogo teatrale, un palcoscenico sul quale Carol ha potuto interpretare il suo ruolo di donna e d’artista e intrattenere molti amici e avventori, spesso illustri, e insospettabili sostenitori. Nella suggestiva soffitta torinese di via Napione Carol ha ammaliato e si è fatta conquistare, sempre guidata dal suo desiderio di piacere, di stupire, di interessare.
Questa casa, e in particolare gli oggetti in essa contenuti, sono stati fonte d’ispirazione per Andrea Guerzoni che, dopo una lunga e costante frequentazione con l’artista, ha ideato, progettato e curato l’allestimento della mostra “Quanta luce nel nero” in cui convivono opere pittoriche e grafiche dei due artisti torinesi e installazioni di oggetti che richiamano il mondo di Carol Rama.
Scrive Corrado Premuda nel testo di presentazione in catalogo: “Questi utensili per improbabili stregonerie dialogano qui con le opere grafiche e pittoriche di Andrea Guerzoni e con tutto l’immaginario estetico di Carol Rama e il risultato non prende solo la forma di un omaggio, ma di una vera e propria dichiarazione d’amore.”
Frasi, pensieri, battute e ricordi di Carol Rama sono diventati anch’essi una componente importante di questa mostra e, raccolti da Guerzoni col titolo “Avanti Savoia! Gli aforismi del lunedì pomeriggio”, sono presenti in catalogo e ripresi nell’installazione a muro sottoforma di piccole tele in stoffa colorata. Dagli incontri del lunedì pomeriggio sono nati dei giochi grafici che svelano il dialogo rarefatto tra le due personalità, un dialogo dove le suggestioni di Rama e il segno di Guerzoni si intrecciano e appaiono una reminescenza poetica, un’eco di quella esperienza.

Palazzetto Art Gallery è un nuovo spazio espositivo nel cuore storico di Roma, in via delle Botteghe Oscure al civico 34. Il nobile Palazzo Caetani, costruito nella metà del ‘500, domina con la sua bellezza classica questa famosa strada di Roma Capitale. Uno spazio cubico, bianco e neutro, interamente dedicato ad ospitare l’arte moderna e contemporanea, la fotografia e i nuovi linguaggi della creatività, sarà un luogo speciale dove ammirare, pensare, sorprendersi, emozionarsi, ritornare e scoprire: nuovi talenti e grandi maestri, sperimentazioni internazionali ed esperienze giovani, linguaggi complessi ma anche la rivisitazione di forme e tecniche antiche. Come un ponte lanciato verso il futuro, questo spazio vuole proporsi come luogo del dialogo critico ed estetico tra selezionate esperienze artistiche del mondo.
Palazzetto Art Gallery è diretta da Franco Ruben e inaugura il 29 ottobre con una mostra delle opere di Carol Rama che dialogano con i lavori di Andrea Guerzoni. La mostra Quanta luce nel nero, curata da Corrado Premuda, propone una visionarietà e una nuova filosofia – che è in linea con l’obiettivo culturale della galleria – fatta di rovesciamenti e di prospettive ribaltate nel leggere l’arte.

Carol Rama (Torino, 1918)
Il lavoro e la vita di Carol Rama rivelano un temperamento coraggioso, ritenuto spesso aggressivo e scandaloso. La sua ricerca artistica è originale e talvolta in anticipo sui tempi. I soggetti figurativi dei suoi lavori riflettono le fantasie, le angosce e i traumi personali mentre i lavori degli anni Cinquanta che aderiscono al MAC (Movimento Arte Concreta) torinese testimoniano il gusto pittorico dell’artista, anche all’interno di composizioni astratte e formali. Negli anni Sessanta, nei quadri che l’amico poeta Edoardo Sanguineti definisce bricolage, inizia ad inserire gli oggetti usati. Negli anni Ottanta, mentre l’artista torna alla figurazione, l’attività espositiva si intensifica ulteriormente sia in Italia che all’estero. Negli anni Novanta l’instancabile artista riprende anche la pratica dell’incisione, dopo la serie delle Parche degli anni Quaranta. Il grande riconoscimento pubblico è del 2003, quando le viene conferito il Leone d’oro alla carriera in occasione della cinquantesima Biennale di Venezia. Carol Rama è considerata grande protagonista del Novecento e ispiratrice di tanti artisti contemporanei.

Andrea Guerzoni (Torino, 1969)
Andrea Guerzoni si diploma in Pittura all’Accademia Albertina delle Belle Arti di Torino e dal 2000 espone regolarmente i suoi lavori in mostre personali e collettive. Dal 2005 adotta l’aforisma come procedimento artistico: scritti, disegnati o dipinti i suoi frammenti presentano situazioni ironiche, malinconiche e tragicomiche nelle quali si intrecciano il pianto e il riso, l’alto e il basso, il sublime e il triviale. Le citazioni e gli omaggi ad autori quali Alda Merini, Fernando Pessoa e Carol Rama si ripetono in maniera costante da diversi anni. L’immaginario feticistico che prende corpo nelle recenti mostre può essere eletto a metafora del particolare rapporto che intrattiene con le figure e le voci predilette.

Un Commento a “Quanta luce nel nero. Mostra di Carol Rama-Andrea Guerzoni”

Iscriviti alla Newsletter!
Categorie
Archivi
Articoli più letti
  • Non ci sono elementi
Questo sito utilizza i cookies - This website uses cookies
OK