Eventi in corso

Musiche da naufragio | MaX StirneR LumpeN
a cura di Valentina Tebala

evento →


Sponge Living Space - Casa Sponge, Pergola (PU)
dal 27 maggio al 2 settembre 2017

L’angolo di Jack Fisher
  • Il corpo sociale di Regina Josè Galindo. Espoarte

    Lunedì 24 marzo si è inaugurata al PAC (Padiglione d’Arte Contemporanea) di Milano, con il sostegno di Amnesty International, ESTOY VIVA, la personale di Regina José Galindo a cura di Diego Sileo ed Eugenio Viola. Si tratta della prima retrospettiva completa dell’artista guatemalteca presentata in Italia, accompagnata da una esaustiva monografia edita da Skira. La mostra si suddivide in cinque sezioni: Donna, Organico, Violenza, Politica e Morte, ciascuna delle quali riconducibili alle più importanti azioni che ...

  • “L’irrinunciabile” Nottenera di Serra De’ Conti (AN). Intervista di Jack Fisher a Sabrina Maggiori. Espoarte

    Un’altra notte dal tramonto all’alba. Dopo Demanio Marittimo, torno in provincia di Ancona, a Serra de’ Conti, per raccontarvi Nottenera. Il paese spegne le sue luci e lascia spazio al Festival che accende la creatività. Arte, musica, teatro, scienze e sapori si fondono in un progetto culturale evoluto, giunto alla settima edizione, che mette in relazione i linguaggi contemporanei con le realtà e la comunità del territorio. Sabrina Maggiori, la direttrice artistica, ci svela il senso de ...

  • Torna Demanio Marittimo… 12 ore sul lungomare di Marzocca. Intervista di Jack Fisher a Cristiana Colli. Espoarte

    DEMANIO MARITTIMO.KM-278 una maratona dalle 6 pm alle 6 am al km 278 sul litorale adriatico a Marzocca di Senigallia (Lungomare Italia 11), con la collaborazione del MAXXI, Museo nazionale delle arti del XXI secolo, della Regione Marche, del Comune di Senigallia, della Scuola di Architettura e Design di UNICAM – Università di Camerino, promosso dalla rivista “MAPPE/Marche Architettura Progetti Pensieri Eventi” e dall’Associazione DEMANIO MARITTIMO. KM-278. 12 ore no stop di incontri, dibattiti, concerti, performance, proiezioni e tanto altro volti ad evincere ...

Articoli marcati con tag ‘BT’F Art Gallery’

Al giorno d’oggi, tra le parole chiave del contemporaneo oltre a remix e multi–media essenziale è anche il termine teamwork “lavoro di squadra”.
Data la complessità raggiunta dalle arti visive, ed in particolare dalle arti visive che utilizzano tecniche performative, il lavoro di squadra è indispensabile ed essenziale in ogni fase di realizzazione, organizzazione e presentazione dell’evento. Continua a leggere →

Il corpo, ancora. Rieccoci, a distanza di un anno, alle prese con questo terminus ad quem della famigerata diade mente/corpo su cui la letteratura filosofica ha contribuito alla fortuna critica del pensiero occidentale. Intorno alle potenzialità teoretiche dell’altra parrocchia, nella fattispecie la speculazione orientale, si potrebbero versare fiumi d’inchiostro – o meglio, visti i tempi moderni, paginate di fogli Word -, non foss’altro perché i natali del pensiero occidentale stanno proprio dalla parte geograficamente e culturalmente opposta. Continua a leggere →

Venerdì 27 Gennaio 2012 alle ore 21.00 BT’F Gallery di Bologna presenta In Corpo 012. Una rassegna performativa con interventi critici di Emanuele Beluffi e Isabella Falbo e il coordinamento di Marco Aion Mangani e Alice Zannoni a cura di Sponge ArteContemporanea.
L’evento rientra nel circuito OFF di Arte Fiera 2012 e coinvolge i seguenti artisti: Max Bottino, Joy Coroner (a.k.a. Domenico Buzzetti), Tiziana Contino, Roberto Paci Dalò, Giovanni Gaggia, Mona Lisa Tina, Chiara Scarfò.
Con preview Rita Vitali Rosati – 26 Gennaio 2012 all’interno della Fiera. Continua a leggere →


Giovedì 28 aprile 2011 alle ore 19.30 la Galleria BT’F di Bologna diretta da Miria Baccolini con la direzione artistica di Marco Aion Mangani e Giacomo Lion inaugura La Mansuetudine dell’abiura, tripersonale di Federico Forlani, Michele Pierpaoli, Red Zdreus a cura di Francesco Paolo Del Re e Roberta Fiorito con il coordinamento di Sponge ArteContemporanea. Continua a leggere →

Inizieremo con l’affrontare lo statuto epistemologico dell’opera d’arte. Successivamente prenderemo in considerazione l’altro corno del dilemma, il corpo. E vedremo come l’uno e l’altro siano concetti surdeterminati e in divenire, secondo una logica dell’erranza che li attraversa entrambi in costante mutamento.

Un abbrivio così dirompente per il suo ingresso in medias res – e al contempo senza mediazioni! – può di primo acchito fuorviare dall’argomento del contendere: stiamo parlando d’arte visiva e chiamare in causa lo statuto della conoscenza fa pensare piuttosto a un contesto intimamente connesso con l’impresa scientifica e con l’accertamento delle verità nel mondo là fuori. Continua a leggere →

Iscriviti alla Newsletter!
Categorie
Archivi
Articoli più letti
  • Non ci sono elementi
Questo sito utilizza i cookies - This website uses cookies
OK